Simone di Monteforte

Simone di Monteforte

Simon de Montfort “il giovane” era il secondogenito di Simon de Montfort, sesto conte di Leicester, e di Eleonora d’Inghilterra.

Nell’agosto 1265, a seguito della morte del padre e di suo fratello maggiore Henry nella battaglia di Evesham, Simone lasciò l’Inghilterra e si rifugiò prima in Francia e poi in Italia impegnandosi con gli angioini nella conquista del regno di Sicilia.

Il 6 gennaio 1271 della 14° indizione in Catania il Re Carlo I concedeva a Simone di Monteforte e ai suoi eredi la contea di Avellino con le seguenti terre: Avellino per 205 once, Padula del Principato per 225 once e 3 tarì, Calvi, con Riardo e Francolise, per 220 once e 9 tarì, in Terra di Lavoro.

Fanno eccezione, pur appartenendo alla medesima contea, le terre di Polizzi, Isnello e Golisano situate in Sicilia.

Die VI ianuarii XIV ind. (1271) apud Cathaniam. [Conceditur] Simoni de Monteforte et heredibus etc. Comitatus Avellini cum infrascriptis terris, vid.: Avellino pro unciis CCV, Padula de Principatu pro unc. CCXXV et tar. III, Calvo, preter Riardum et Francolisium, pro unc. CCXX et tar. IX, in Terra Laboris; exceptis tamen terris Policii, Asinelli et Golisani, sitis in Sicilia, que sunt de eodem Comitatu.
(1)

La concessione delle terre

Il 26 gennaio 1271 il Re da Messina informava il Secreto del Principato, di Terra di Lavoro e dell’Abruzzo della concessione delle summenzionate terre a favore di Simone di Monteforte.

Secreto Principatus Terre Laboris et Aprutii. Cum Nos Comitatum Avellini cum infrascriptis terris…, vid. Avellino sito in Iustitiariatu Principatus et Terre Beneventane, Calvo, Francolicio et Riardo, sitis in Iustitiariatu Terre Laboris et Comitatus Molisii, nec non terram Padule, sitam in Iustitiariatu Principatus, que non est de ipso Comitatu, cum baroniis ho minibus, etc. …

nob. viro Symoni de Monteforte, dil consanguineo etc., suisque heredibus… duxerimus concedendum de liberalitate mera et gratia speciali, investientes ipsus per vexillum nostrum de Comitatu predicto, retensis… in manibus nostri terris Polinii Asinelle et Gulisani, sitis in Sicilia, que de endem Comitatu existunt, exeeptisque aliis terris… Comitatus eiusdem quibuscumque per Curiam nostram concessis, que per eos quibus ea concessimus teneri volumus prout ipsis… sunt concessa, f. T. … mandamus quatenus eundem Symonem de Monteforte… in corporalem possessionem dictarum terranum… inducens, recepto prius pro Nobis a prelatis baronibus feudatariis et vassallis… Comitatus ipsois fidelitatis solito iuramento, prefatum Symonem ab ipsis assecurari facias iuxta consuetudinem Regni nostri etc.
Messina, 26 gennaio 1271, XIV Ind. (2)

Il soggiorno del Re Carlo I d’Angiò a Calvi

Il 26 febbraio 1271 Carlo I d’Angiò durante un breve soggiorno a Calvi ordinava la restituzione dei suoi beni a Bartolomeo di Ansole, chierico messinese, il quale trovandosi <<a IV annis citra in Romana Curia>>, ne era stato privato da Pietro d’Auteuil già Secreto e Maestro Portolano di Sicilia <<solum pro eo quod inventus est absens a terra>>.
Calvi, 26 febbraio 1271, XIV Ind. (3)

Nello stesso periodo, a causa della povertà dilagante, il Re comunicò al Giustiziere incaricato dell’esazione delle imposte di sospendere il procedimento nei confronti degli abitanti di 78 Università di Terra di Lavoro, tra i quali troviamo anche quelli di Calvi.

Mandat Rex ut supersedeat exactione collectarum apud homines …… propter eorum paupertatem.

Similes facte sunt pro hominibus caleni
… (4)

Sempre nel 1271, Giovanni di Sole, intrattenitore e familiare della Corte Reale, possedeva ancora alcuni beni nelle città di Capua, Aversa e Calvi.

Ioannes de Sole, vallectus et fam., possidet nonnulla bona in civitatibus Capue, Adverse et Calvi.
1271, XIV Ind. (5)

Francesco di Ebulo fu confermato dal padre Bartolomeo “Signore” delle terre di Francolise e del casale di Liberi, nella diocesi di Calvi.

Francischello de Ebulo, f. Bartholomei, mandatum de assecuratione vassallorum terre Francolisii et casalis Sclavorum, Calvensis diocesis, dicto suo patri concessorum.
1271, XIV Ind. (6)

La morte di Simone di Monteforte

L’11 marzo 1271 Carlo d’Angiò intimò al “nobile uomo” Simone di Monteforte, Conte di Leicester e di Avellino, di non molestare Giovanni di Ebulo, fratello maggiore ed erede del fu Bartolomeo di Ebulo, Cappellano della sede Apostolica, in possesso del feudo di Francolise e del casale di Liberi, appartenenti al territorio di pertinenza di Calvi, e donati a lui in nome del Re.

Mandat quatenus nob. vir Symon de Monteforte, comes Leicestre et Avellini, non turbet heredem qd. Bartholomei de Ebulo, fratem mag. Johannis de Ebulo, Sedis Apostolice cappellani, super possessione pheudi Francolisii, et casalis Sclavorum in pertin. Calvi, sibi per Regem donatorum.
11 marzo 1271, XIV Ind. (7)

Successivamente, il Sovrano dispose che i casali di Francolise e di Liberi del demanio, e altre terre di pertinenza di Calvi fossero assegnati alla Regia Curia.

Mandat quatenus casalis Francolisii et li Sclavi de demanio et pertinentiis terre Calvi, devolantur R. Curie. (8)

Simone di Monteforte amministrò i feudi della contea campana, compreso quello caleno, per pochi mesi perché morì a soli 31 anni nel 1271 in un duello contro Fulcone Ruffo, Signore di Santa Cristina e Bovalino, fratello del Conte di Catanzaro.

Non avendo eredi legittimi, Calvi e tutti gli altri possedimenti passarono in gestione alla Regia Curia fino a marzo del 1272.

Qui Simon mortuus est legitimis heredibus ex suo corpore non relictis, et Comitatus revocatus est ad manus Curie. (9)

Bibliografia:

1) Reg. Ang. II (1265-1281), p. 266, n. 135
2) Reg. Ang. VI (1270-1271), p. 124, n. 600
3) Reg. Ang. VI (1270-1271), p. 175, n. 908
4) Reg. Ang. VI (1270-1271), p. 56, n. 4, 49
5) Reg. Ang. VI (1270-1271), p. 58, n. 84
6) Reg. Ang. VI (1270-1271), p. 204, n. 1088
7) Reg. Ang. VII (1269-1272), p. 85-86, n. 126
8) Reg. Ang. VII (1269-1272), p. 182, n. 65
9) Reg. Ang. II (1265-1281), p. 266, n. 135

© Riproduzione riservata